E’ la nostra creatrice di eventi, senza di lei il tifo non sarebbe così motivato. Ma non crea solo eventi su Facebook in occasione delle partite che contano, la sua specialità è un attacco veloce dal centro. Lei è la numero 15, signori e signore a voi Daniela Paoloni.

                                                          paoloni-daniela

 

Buonasera Dany, sappiamo che l’idea di questa intervista ti ha creato qualche ansia, soprattutto per i vuoti di memoria. Non seguiremo le solite domande, pero’, perchè non valgono le risposte preparate. Iniziamo con un giudizio su questa stagione, così a caldo.


Quest’anno sono mancata due mesi per motivi di lavoro, pero’ è stata una bella stagione, l’unica pecca che possiamo trovare è la mancata promozione diretta. Adesso ci attendono i play-off che sono lunghi e duri, ma due anni fa ci hanno dato tante soddisfazioni e quindi speriamo di bissare .

In queste ultime stagioni, a fine anno, a Candia iniziava sempre un giallo sulla presenza di Daniela nella stagione ventura. Più volte i rumors parlavano di un tuo probabile abbandono. Quanto c’era di vero e quanto di fittizio?


Diciamo che i dubbi sono nati 4 anni fa perchè non sentivo tanta fiducia nei miei confronti e mi ero stancata di questa situazione, però il motivo per cui sono andata avanti è stata la squadra, il gruppo.

Durante la tua carriera di volley, quanti ruoli hai interpretato?
Sono nata centrale a 10 anni e lo scorso anno opposto e una partita da schiacciatrice.

Lo scorso anno per te è stata una stagione particolare, dopo tanti anni passati al centro, ti è stato chiesto di cambiare ruolo. Che cosa hai pensato quando hai ricevuto la notizia?

Ho pensato che siccome non ero nella rosa delle titolari in qualità ci centrale, sarebbe stato utile allenarmi in difesa e in ricezione, due fondamentali in cui i centrali sicuramente non eccellono. E’ stato importante potenziarmi in questi aspetti.

Adesso siamo in piena vigilia play-off, giovedì Terra dei Castelli vi aspetta, è il primo ostacolo che vi separa dalla serie D, serie D che lo scorso anno non siete riuscite a mantenere. Che cosa è mancato lo scorso anno e cosa è mancato quest’anno per ottenere subito il pass per la serie D?

Lo scorso anno ci è pesato tanto, tanto, tanto l’infortunio di Mara che ci ha costretto a un cambio di ruoli, con Erika schiacciatrice e io opposto e noi non siamo Mara. E quest’anno è stata la sfortuna, perchè c’era la voglia di arrivare prime, ma due partite giocate male ci hanno negato il pass.

La tua compagna e amica storica è Michela Vaccarini, partita a febbraio per la Turchia. Cosa hai pensato quando Micky ti ha comunicato la sua decisione di partire? Quali erano i tuoi timori per la sua partenza?

Diciamo che Micky è stata indecisa fino all’ultimo momento se consegnare il modulo o no ed io l’ho spinta a partire perchè era giusto che si vivesse questa esperienza, considerando anche il suo “particolare” momento. Per la squadra non mi sono preoccupata perchè quest’anno c’è Giulia e tutta la squadra, da quando abbiamo saputo della sua partenza, abbiamo dato un po’ di più per non far pesare a Micky la partenza, perchè sarebbe stato un errore.

Avresti preferito che qualche altra tua compagna partisse per la Turchia, invece di Michela?

No, no assolutamente, sarebbe stato indifferente. Micky è una compagna particolare, ma ci sentiamo tutti i giorni e poi Erika è un’ottima sostituta per il riscaldamento.

Qual è la giocatrice che hai visto giocare quest’anno che ti piacerebbe avere in squadra il prossimo anno?

(Daniela sospira, è in forte difficoltà) Sto pensando, alla fine non è che ho visto chissà chi nelle altre squadre, quindi non saprei darti un nome, anche perchè sono contenta di chi abbiamo in squadra.

Non andiamo troppo indietro nel tempo, viste le tue difficoltà di memoria. Rimaniamo nell’annata 2010-11, qual è stato il momento più esaltante, finora, e quello da cancellare?

Mi ero preparata anche sugli anni passati. Parto dal passato e ricordo i play-off, tutti i play-off con tifo da stadio e con tanta adrenalina, tutte le partite. E’ stata una grande sorpresa quando qualcuno ha iniziato a portare da mangiare con continuità. (Ride guardando Alessandro). Il meno esaltante sicuramente la partita contro Castelfidardo, non vedevo l’ora che finisse la partita. A fine partita c’avevo un nervoso!

Non so se già li hai pensati, questa è la domanda di rito: 3 aggettivi per descrivere il tuo volley…

Mi son scordata… allora: LUNATICO, GRINTOSO e UNITO perchè cerco sempre di fare gruppo e aiutare le altre quando posso.

E adesso ti lasciamo la parola per dire qualcosa alla squadra, qualcosa che magari non hai avuto ancora occasione di dire, o non hai avuto il coraggio.

Dobbiamo ritrovare l’adrenalina di due anni fa, anche se già c’è, dobbiamo lottare in queste ultime partite perchè la serie D lo scorso anno ci è sfuggita. Non dobbiamo fare le facce musone, soprattuto Laura, che però sta migliorando.

In conclusione, voto alla società Candia.

Dai un 8 glielo diamo, sì sì!!!

 

E Noi ringraziamo Dany per la sua generosità in campo e fuori dal campo!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *