Post in evidenza

L’impresa non riesce. Pallavolo Collemarino – Candia Volley 3 – 0

Niente da fare. Ancora una volta Collemarino interpreta il ruolo della “bestia nera” per le ragazze di Mister Ciccio Spargoli. “Chi vince festeggia, chi perde spiega” si dice. Ma oggi c’è da spiegare che questo è un grande gruppo, un gruppo che avrebbe meritato qualcosa di più di un troppo severo 3 a 0. Dicono che la pallavolo è questione di dettagli e quei dettagli nel primo set ci sono stati fatali.

Mister Spargoli si affida a Morisco in regia opposta Giulia Moretti, in banda capitan Rossi e l’incerottata Strappato, al centro Giambuzzi-Pierdicca.

Il set si apre con muro su Rossi fin da subito marcatissima dalla squadra di Cremascoli che poi sbaglia il servizio e rimette i conti in parità. Morisco innesca una perfetta Giambuzzi per il 2 a 1. Set in equilibrio con entrambe le squadre contratte dai 9 metri. Giambuzzi replica con l’ace del 4 a 2, ma Collemarino recupera il break e si riporta in parità. Noemi Strappato, nonostante il dito incerottato è in campo e sfrutta bene il diagonale per il 5 a 4. Candia si smarrisce e subisce la rimonta di Collemarino che con un buon turno al servizio e qualche errore di troppo delle candiesi si porta sul 13 a 9. Pierdicca accorcia 10 a 13, dopo essere stata autrice di una super difesa sul centrale avversario. Capitan Rossi, dopo un inizio complicato, trova la parallela dell’11 a 13 che riporta nel set le ragazze di Candia. Morisco sbaglia il servizio, ma Moretti è brava a trovare l’insaccata a muro del 12 a 14. Un altro attacco vincente di Giambuzzi riporta Candia a -1 e coach Cremascoli spende il primo time-out a sua disposizione. Rossi trova 3 ace consecutivi che porta Candia sul 16 a 14. Purtroppo l’errore dai 9 metri di Rossi e poi l’errore da seconda linea rimette i conti in pari. Collemarino trova un doppio turno vincente al servizio e sul 17 a 19 mister Spargoli fera il gioco. Moretti rientra in campo e con il mani-out trova il 18 a 19 e poi è brava al servizio. Candia mette la freccia con il mani-out di Strappato del 20 a 19. Dopo il time-out di Cremascoli, Collemarino con il pallonetto trova il 20 a 20. Morisco si supera con un tocco di seconda intenzione che strappa un applauso a Sangermano presente sugli spalti. L’ace di Strappato del 22 a 20 infiamma le Candiesi, Il muro di Morisco del 23 a 21 illude le ragazze di Mister Spargoli che poi sbagliano il servizio e incassano il punto del 23 a 23. Rossi spara out e Collemarino conquista il primo set-ball, annullato per un errore al servizio. Una super diagonale di Rossi regala il 25 a 25 a Candia che con il mani-out di Strappato ha il primo set-ball a sua disposizione. Collemarino, però, non si disunisce e prima impatta sul 26 a 26, poi con l’ace del 27 a 26 mette la freccia per chiudere 28 a 26.

L’amarezza per un set combattuto e perso si fa sentire nel secondo parziale. Dopo un inizio equilibrato in cui Candia si porta avanti 3 a 2 grazie al diagonale di Moretti, si alza il livello del servizio di Collemarino e Candia si trova subito sotto 8 a 4. Mister Spargoli prova a scuotere le sue, ma Collemarino continua a picchiare forte e vola sul 12 a 4. Strappato prova a suonare la carica con il mani-out del 5 a 12, ma tutti gli scambi lunghi se li aggiudica Collemarino che si porta sul 13 a 6. L’ace di Pierdicca riduce a 6 le lunghezze di distacco. Ma Candia non riesce a trovare continuità, subendo molto in ricezione e Collemarino controlla facile sul 18 a 9. Noemi è un gigante in parallela con il 10 a 18 e poi si concede il bis in diagonale. Non bastano qualche fiammata per tornare il set che si chiude con un pesante 13 a 25.

Nel terzo set Collemarino riparte forte 3 a 0, e sul 6 a 1, dopo l’ennesimo ace, Mister Spargoli ferma il gioco. Il mani-out di Moretti e la seconda linea vincente di Rossi riporta Candia a -3 sul 3 a 6. Poi altro turno micidiale al servizio per le ragazze di Cremascoli che si portano sull’11 a 4. Questa volta però Candia non ci sta e tira fuori tutto ciò che ha. Il nastro è amico di Strappato per il 5 a 11, poi Moretti chiude lo scambio del 6 a 12. Qualche errore di Collemarino aiuta Candia a ridurre il gap e il pallonetto di capitan Rossi porta Candia sul 9 a 13. Il diagonale out di Collemarino del 14 a 12 rimette Candia in partita. Due ace di capitan Rossi completano il recupero e sul 14 a 14 Candia torna a crederci. Serie di errore da una parte e dall’altra, poi Moretti sfonda il muro per il 16 a 16. Un errore al servizio di Giambuzzi e la murata su Strappato riporta avanti Collemarino. Strappato si fa subito perdonare con il mani-out del 17 a 18. A Candia però non riesce di chiudere gli scambi lunghi e così Collemarino su trova avanti 20 a 17. Mister Spargoli spende il secondo time-out e al rientro in campo Candia accorcia a -2. Un attacco dal centro e due ace portano Collemarino sul 23 a 18. Capitan Rossi annulla il primo match-point, ma al secondo tentativo Collemarino chiude la contesa 25 a 19.

Sapevamo che quella di oggi sarebbe stata un’impresa quasi impossibile, la squadra di Cremascoli ha dimostrato di avere qualcosa in più rispetto all’organico di Candia. Però oggi vanno fatti solo i complimenti a Mister Spargoli e a queste meravigliose ragazze che hanno lottato e hanno dato tutto. E’ mancata la lucidità nel finale di primo set, portarsi sull’1 a 0 avrebbe dato sicuramente un’iniezione di fiducia, ma il volley è così, ogni disattenzione può essere fatale. Come si è detto a fine partita, ci riproveremo il prossimo anno, magari sperando che Alena De Felice possa essere a disposizione, non solo per il tifo. Anche quest’anno purtroppo i problemi fisici hanno fermato Alena e hanno privato Mister Spargoli di una pedina importante. Il gruppo ora deve continuare a lavorare a testa bassa insieme a tutto il collettivo, perché si vince di squadra.

Per il Candia Volley è comunque una grande soddisfazione poter disputare una semifinale provinciale contro vere corazzate. Brave girls, bisogna continuare a crederci!! #candiavolley

Si riparte da una certezza: tra le mura amiche Candia non sbaglia!

COPPA ITALIA DIV NAZIONALE FEMM LE – Girone A – Candia Volley vs. Catuna Dinamis 1 3 – 1

E’ passato oltre un anno da quando la nostra capitana Sangermano ha illuminato con le sue giocate il pallone di Candia. A febbraio dello scorso anno, proprio nella settimana in cui avremmo ospitato la capolista Castelfidardo nella sfida che avrebbe decretato il primato in classifica nel girone C di seconda divisione, la pandemia ha spazzato via ogni contesa sportiva. Venerdì 14 maggio finalmente anche le senatrici, Sangermano e Calderoni, sono tornate ad assaporare una partita vera nell’esordio di Coppa Italia di Divisione. All’appello ora manca solo Laura Cinti che per motivi di lavoro quest’anno non può prendere parte al torneo.

Mister Spargoli schiera in diagonale capitan Sangermano e Caldaroni, in banda Caravaggi e D’Angelo, coppia centrale Cirenei e Mengarelli, liberi Mosca e la neo-maggiorenne Barucca. E’ già, la baby Giada è diventata grande. Da 9 anni a Candia ha praticamente ricoperto tutti i ruoli nel corso delle stagioni, un esempio di duttilità e spirito di sacrificio per la squadra. A sorpresa si è presentata in maglia rossa e ha supportato la squadra in ricezione. Caldaroni scalda subito il braccio in diagonale, mentre Caravaggi al servizio semina il panico nella ricezione ospite. Candia vola così sul 3 a 0, con un ottimo impatto. Sangermano fa muovere le sue attaccanti e D’Angelo e Mengarelli siglano il 7 a 3. Sul mani-out di Caravaggi del 10 a 4, coach Gambella ferma il gioca. Al rientro in campo Falconara prova a rifarsi sotto sfruttando un buon servizio e arriva sino all’8 a 11. L’ace di Mengarelli rimette una buona distanza di sicurezza, poi il diagonale di D’Angelo segna il 16 a 11. Caldaroni picchia forte per il 17 a 11. Sul 19 a 13 arriva il secondo time-out del set. Capitan Sangermano è superba nell’alzata al bacio per Mengarelli che chiude il 20 a 13. Candia si distrae e Falconara ne approfitta, così Mister Spargoli ferma il gioco sul 21 a 17. L’interruzione porta bene alle padrone di casa, visto che le ospiti sbagliano il servizio che vale il 22 a 17. Strappato entra per D’Angelo, mentre una vera fucilata di Caravaggi chiude il 24 a 19. Caravaggi concede il bis in diagonale per il 25 a 19.

Nel secondo set Falconara parte bene con un buon servizio e un’ottima organizzazione difensiva portandosi avanti 5 a 3. Sul 3 a 6 Mister Spargoli ferma il gioco, ma Candia non riesce a reagire faticando molto in ricezione. Falconara sbaglia meno e vola avanti 11 a 4. Strappato rientra per D’Angelo, ma in casa Candia Sangermano fatica a smarcare le attaccanti. Candia piazza un mini-break di 3 punti con Mengarelli, Caravaggi e Cirenei. Coach Gambella ferma il gioco sul 13 a 9 e al rientro in campo la Dinamis ritrova il servizio vincente, mentre le padrone di casa sbagliano troppo con due invasioni e due battute out. Sul 21 a 10 il set sembra essere arrivato ai titoli di coda, ma Caravaggi, in ombra nella prima parte del set, si ridesta e piazza 3 colpi che portano Candia sul 16 a 24, troppo tardi, il set si chiude 25 a 16 a favore delle ospiti.

Il risveglio tardivo di Caravaggi nel set dispiega i suoi effetti nel terzo set, dove la nostra n. 7 mette in mostra tutto il suo armamentario. Candia parte bene con il diagonale di D’Angelo, poi Caravaggi piazza la prima bomba del set. Mengarelli scalda l’entusiasmo delle sue compagne con il muro a 1 del 5 a 3, poi D’Angelo è brava in parallela per il 6 a 3. Candia ritrovata stabilità in ricezione con Barucca che inizia a prendere confidenza con il nuovo ruolo e Mosca in difesa dà il suo supporto. Sangermano si toglie lo sfizio di attaccare il 10 a 5. Mengarelli piazza due ace che valgono il 13 a 5, poi si scatena Caravaggi in diagonale. Barucca entra referto con il bagher punto del 15 a 6. La Dinamis sembra alle corde, mentre Candia continua a giocare in maniera ordinata. Caldaroni chiude il 18 a 8 per poi lasciare spazio a Pierdicca in battuta. Il finale è tutto marcato Caravaggi che piazza 4 punti consecutivi sfruttando il diagonale a dovere. Il set si chiude 25 a 16.

Il quarto set si apre con il muro punto di Cirenei e l’ace di Caravaggi. Set però più equilibrato, con la Dinamis che risponde colpo sul colpo e si prosegue in parità sino all’8 a 8. Poi le ospiti iniziano a mancare qualche colpo e Candia ringrazia portandosi sul 12 a 8 grazie al pallonetto di Caldaroni. Caravaggi sfodera la miglior parallela per il 14 a 9. Mister Spargoli ferma il gioco per interrompere il break delle ospiti che dal 9 a 17 si portano sul 12 a 17. Al rientro in campo arriva il terzo ace consecutivo della Dinamis, ma Caravaggi toglie le castagne dal fuoco con il pallonetto da seconda linea del 18 a 13. Sul 19 a 16 Caldaroni lascia spazio a Pierdicca, mentre le ospiti si avvicinano sul a 19 a 18, la parallela out consente a Candia di tornare sul +2. L’ace di D’Angelo riporta le padrone di Candia a una buona distanza di sicurezza, poi Caravaggi sfrutta dovere le mani del muro per il 23 a 18. Pierdicca strappa gli applausi con la seconda linea del 24 a 18. La scena finale giustamente se la prende la capitana Sangermano che chiude con un tocco di seconda intenzione il set per il definitivo 25 a 19. Un punto che vale triplo, con tanto di dedica a chi sta scrivendo questo pezzo… Grazie Costi!!

La top scorer del match e senza dubbio MVP della serata è Alessia Caravaggi con 22 punti. Una prova di maturità per Alessia, da sempre croce e delizia per la nostra squadra perché quando si spegne la sua luce, spesso la squadra fatica a reagire. Questa volta, però, dopo il passaggio a vuoto del secondo set, Alessia si è ritrovata ed è stata determinante nel far ripartire tutta la squadra. Il tabellino dice poi 10 punti per Mengarelli, 9 per Caldaroni, 6 D’Angelo, 3 Cireni, 2 Sangermano, 1 per Barucca e Perdicca.

Mister Spargoli piazza così tra under 19 e Coppa il quarto risultato utile consecutivo, in attesa del doppio match settimanale di giovedì e venerdì. Sangermano e Caldaroni sicuramente devono “smaltire” l’anno di mancanza di gare ufficiali, ma i segnali sono incoraggianti, si può solo crescere. Ottimo l’apporto anche delle “piccole” di casa, Pierdicca e Strappato, in attesa del rientro di De Felice e Rossi. Il gruppo sta crescendo e lo si capisce da una maggiore attenzione difensiva. Come sostiene sempre il nostro Mister, la strada è lunga, ci sono una marea di difetti da sistemare, ma le vittorie non guastano mai! Ora appuntamento giovedì in casa per lo scontro con la capolista under 19 Volley 3, squadra finora imbattuta, mentre venerdì per la Coppa ci attende l’Ancona Team Volley al Panettone.

In casa non si scherza!

Under 19 : Candia Volley – Us Senigallia 3 – 0

Le mura amiche portano bene alla squadra di mister Spargoli. Un altro successo tondo per la nostra under 19 che liquida in 3 set la pratica Us Senigallia. Starting six della scorsa settimana per le padrone di casa con Morisco al palleggio, opposta Rossi, in banda Caravaggi e D’Angelo, coppia centrale Cirenei e capitan Mengarelli, liberi in alternanza Mosca e Strappato. Candia parte forte con il servizio di Caravaggi che mette subito alle corde la ricezione dell’Us Senigallia. Candia vola sul 3 a 0 per poi subire la rimonta delle ospiti che si vendicano al servizio. Il pallonetto di Rossi rimette avanti Candia che acquista fiducia, soprattutto in difesa. L’Us Senigallia fatica a trovare varchi e forza in attacco, collezionando vari errori. Candia ne approfitta e si porta avanti 9 a 3 con l’ace di Cirenei. Da applausi la difesa di Morisco che porta al 12 a 3, con un altro errore dell’Us Senigallia dopo la super difesa della nostra palleggiatrice e il bagher da seduta di Caravaggi, che poi lascia spazio a Barucca. E’ proprio la difesa l’arma in più della squadra di mister Spargoli, concreta anche dai 9 metri. Rossi da seconda linea piazza i 16 a 5 e in casa Candia si gioca su velluto. Dopo l’ace di Mengarelli del 19 a 9 Moretti entra per Rossi. Candia si rilassa sul finale subendo un mini break che dal 21 a 10 riporta Senigallia al 12 a 22. Dopo il time-out di Spargoli è Moretti a concretizzare in diagonale il 23 a 12. Le ospiti si arrendono 13 a 25. Nel secondo set Senigallia rivoluziona il sestetto, mentre Spargoli opera un cambio con Moretti in banda per D’Angelo. L’Us fatica a trovare la quadra e Candia con l’ace di Moretti si ritrova sul 5 a 2. Caravaggi sfonda la difesa ospite con un doppio diagonale che vale l’8 a 5. Senigallia è però più attenta in difesa e, rispetto al primo set, sbaglia meno. Il secondo set è sicuramente più equilibrato, anche se Candia sdà l’impressione sempre di avere il pallino del gioco, come nell’occasione della due super difese di Rossi che non bastano a Candia per mettere a terra la palla, ma che testimoniano la caparbietà della squadra. Morisco attiva i centrali, Cirenei e capitan Mengarelli concretizzano a dovere piazzando il 17 a 12. Caravaggi si congeda dal set con il punto del 18 a 13, aiutata dal nastro, poi è Barucca a prendere il testimone. Giada si fa subito trovare pronta da Morisco chiudendo in diagonale il 19 a 13. Mister Spargoli fa esordire un’altra 2006 in under 19, Pierdicca rileva infatti Moretti sul 20 a 14 per le padrone di casa. Il nastro sorride a Barucca per il 21 a 15. Mister Spargoli è costretto a fermare il gioco sul 21 a 18 per interrompere la striscia positiva delle ospiti. Al rientro in campo questa volta il nastro è un ottimo alleato per l’attacco di Rossi che sbroglia il 22 a 18. Il set si chiude sul bell’attacco di capitan Mengarelli per il definitivo 25 a 19.

Nel terzo set resta in campo Moretti in diagonale, mentre Barucca fa coppia in banda con D’Angelo. L’Us per la prima volta nel match si trova avanti 2 a 0. Morisco si affida allora ai suoi centrali che non tradiscono la fiducia e ricuciono il gap, mentre Moretti a muro porta Candia sul +1. Le padrone di casa sbagliano poco e difendono con ordine. Anche il muro inizia a girare bene con Moretti che trova il secondo muro personale per il 12 a 8. L’attacco di D’Angelo del 14 a 8 mette al sicuro il vantaggio delle padrone di casa. Barucca in parallela piazza il 16 a 11, poi sul 17 a 14 Pierdicca torna in campo per Moretti, autrice di un’ottima prestazione. Gaia superata l’emozione dell’esordio, ingrana bene in difesa. Morisco bissa il punto della settimana scorsa con un bel tocco di seconda intenzione che vale il 18 a 14, interrompendo così il mini-break ospite. La palleggiatrice candiese si affida poi al braccio caldo di D’Angelo e Cirenei. Sendy chiude il punto del 24 a 17, dopo una bell’azione difensiva di Pierdicca e D’Angelo. Il set si chiude con un errore in attacco dell’Us Senigallia che vale il 25 a 20.

Top scorer del match Moretti a quota 10 punti, segue Cirenei a 8, 6 per capitan Mengarelli e Rossi, 5 per Caravaggi e D’Angelo, 4 Barucca, 1 Morisco. Anche in questo match la squadra ha girato bene, con una bella distribuzione di gioco da parte di Morisco, brava a mettere in gioco tutte le sue attaccanti. Mister Spargoli ha utilizzato tutte le atlete a referto. Sono cambiate le interpreti nel corso dei set, ma non il risultato, a dimostrazione della forza di questo gruppo. La squadra è sembrata sicuramente in crescita rispetto l’esordio a Jesi e potrà togliersi delle belle soddisfazioni se continuerà nel suo gioco, caratterizzato da una buona compattezza difensiva e varietà in attacco. Abbiamo già detto che quest’anno non conta vincere, ma giocare. Però si sa, i 3 a 0 danno sempre gusto!!!! Ora appuntamento a Senigallia martedì prossimo.