Osimo campo stregato per Candia. New Plast Tecnografting – Candia Volley 3 – 1

Continua la tradizione sfavorevole per la squadra candiese al Palabellini. Il big match di sabato se lo aggiudica la squadra di casa che piega la compagine di Mister Magrini e si aggiudica l’intera posta in palio. Starting-six con Sangermano in cabina di regia, opposta Pioli, in banda Barucca-Caravaggi, coppia centrale Carboni-Mengarelli, libero Antonelli. Mister Magrini si affida quindi allo stesso starting six vittorioso martedì nel match casalingo contro l’Ancona Team Volley.
Candia parte bene con una bella parallela di Caravaggi. Il match si infiamma da subito e dopo il 3 a 0 iniziale e il time-out chiamato dal coach delle padrone di casa, Osimo rimette subito in parità il conteggio dei punti. Le due squadre proseguono a braccetto, Pioli e Barucca replicano agli attacchi delle padrone di casa. Poi è la Tecnografting a portarsi avanti 12 a 10. Un muro di Sangermano e un attacco da seconda linea di Pioli ristabiliscono la parità. Osimo difende con ordine e contrattacca con efficacia, ma Candia resta in scia e si riporta avanti con l’ace di Pioli del 20 a 19. Nel finale di set si accende Carboni che piazza il mani-out del 21 a 20, poi Giacchetta neo-entrata trova l’ace del 23 a 20. Gli ultimi due punti che chiudono il set sono di Carboni. Nonostante la difficoltà della ricezione, Candia si aggiudica il set e nel secondo si riparte con la battaglia punto a punto, con Osimo però avanti. Un buon break di Barucca permette a Candia di restare in scia sul 6 a 7, prima del buon break di Osimo che si porta avanti 10 a 6 costringendo Mister Magrini a fermare il gioco. Barucca è brava a finalizzare l’alzata ad una mano per il 7 a 11, ma poi sono fatali i 9 metri per Candia e le padrone di casa si portano sul 12 a 7 aggiudicandosi uno scambio lungo. La riscossa candiese parte con il servizio di Carboni che trova l’ace del 9 a 12, ma poi un nuovo mini-break osimano riporta le padrone di casa avanti 14 a 9. Mister Magrini spende il secondo time-out a sua disposizione e al rientro in campo Caravaggi è brava a chiudere in diagonale il 10 a 14. Sangermano piazza un bel break dai 9 metri e Candia dimezza lo svantaggio. Dopo la diagonale di Pioli non trattenuta dalla difesa osimana, Candia trova la parità 17 a 17 e sul 18 a 17 è il coach osimano a spendere il secondo time-out a sua disposizione. Mengarelli al servizio trova l’ace del 19 a 17 e continua a picchiare forte fino al 21 a 17, prima dell’errore dai 9 metri, con la palla che esce di un soffio. Candia sbaglia anche la palla dell’ipotetico 22 a 18, prima che Pioli concretizzi in diagonale il 22 a 19. Carboni è brava a sfruttare le mani del muro avversario per il 23 a 20, ma proprio a un passo dalla conquista del set, la squadra candiese si smarrisce. Dalla panchina candiese vola qualche parola di troppo verso il pubblico di casa e la luce in casa Candia si spegne. Osimo ricuce il gap e sul 24 a 24 chiude senza esitazione il set 26 a 24. Nel terzo set sono le facce di Candia che parlano più del campo. Il set svanito all’ultimo minuto pesa oltremodo e Osimo prende in mano il pallino del gioco. Nonostante l’atteggiamento rinunciatario, le ragazze di Candia riesco a restare nel set fino al 17b a 17, prima di subire l’ace del 18 a 17. Osimo piazza un break devastante portandosi sino al 18 a 23. Poli ferma la striscia positiva delle padrone di casa con il pallonetto del 19 a 23. Cinti entra in battuta per Mengarelli, ma Osimo non sbaglia e si aggiudica il set 25 a 19. Nel quarto set sono ancora le padrone di casa ad avere in mano il pallino del gioco, con Candia che prova a restare in scia, nonostante gli errori al servizio. Sul 3 a 5 Mister Magrini chiama Brugiapaglia per capitan Sangermano. La neoentrata è brava a innescare Carboni che trova il 6 a 8. La ricezione candiese, però, continua a faticare e Brugiapaglia, ancora in fase di recupero, è costretta a lasciare il campo a Sangermano sull’8 a 11. Sull’8 a 14 Giacchetta rileva Caravaggi, ma Candia sembra essere sparita dal campo e Osimo si porta sul 16 a 8. Un attacco in diagonale di Pioli prova a scuotere le sue, poi sono 3 attacchi consecutivi di Carboni che rendono meno amaro il set, permettendo a Candia di ricucire il gap sino al 17 a 23, ma un errore al servizio interrompe il break candiese e Osimo chiude 25 a 18. Top scorer del match Pioli con 20 punti, seguono Carboni a quota 12, 6 per Caravaggi, 5 per Barucca, 4 per Mengarelli, 3 per Sangermano e 1 per Giacchetta.
Candia perde così la possibilità di riprendersi la testa e si vede raggiunta proprio dalla New Plast Tecnografting a quota 19 punti.

Il girone di andata si chiude quindi con 3 squadre in 1 punto, con Castelfidardo “campione d’inverno”. Una battura d’arresto che ci può stare, anche se a due punti dall’ipotetico 2 a 0, brucia non aver portato a casa neanche un punto. Peccato che nel terzo e quarto set sia mancata la grinta che ha contraddistinto questo gruppo finora. Ora non c’è tempo per i rimpianti, sabato si riprende a giocare per la prima giornata di ritorno. Ci sono ancora 8 partite e 24 punti a disposizione, quindi tutto è apertissimo e sappiamo che 4 squadre si giocheranno la vittoria finale sino in fondo. Non si molla, GIRLS!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *